P. del Bocco – Monte Zatta – Monte Prato Pinello – P. del Bocco

INFO

Difficoltà: E

Segnavia:AVML

Altitudine: 1404 mslm

Dislivello: 450 metri

Tempo: 3,35 ore

Lunghezza: 6,51 km

Voto:

Attrezzatura consigliata

Zaino da trekking

Scarpe o scarponcini da trekking

Giacca a vento tecnica o anche un semplice K-way

Pile in materiale tecnico con zip completa per comodità (solo nei periodi freddi)

Borraccia d’acqua

Come arrivare

Per intraprendere questa suggestiva escursione, che si può effettuare da vari punti della zona, abbiamo scelto di passare dal Passo del Bocco mslm. 956

Dal casello autostradale di Lavagna, autostrada A12, si prosegue su strada provinciale SP586 in direzione di Borzonasca fino ad una deviazione sulla destra che indica chiaramente il Passo del Bocco.

Una volta arrivati al passo si procede ancora per circa 500 m sulla destra fino ad arrivare ad un vecchio edificio abbandonato dove di fronte c’è il posteggio per l’auto e la cartellonistica di inizio del percorso.

Descrizione

Il percorso si snoda, partendo poco dopo il laghetto del Passo del Bocco, su strade e sentieri ben segnalati.

Dodo il primo tratto in salita, percorso dopo aver parcheggiato l’auto, ci si addentra in quella che sicuramente è una delle più belle e caratteristiche faggete della Liguria.

Questa prima parte di risalita, seguendo sempre il sentiero dell’AVLM, inizia dopo circa mezzora a farci intravedere i primi scorci di paesaggio sulla riviera di levante.

Il panorama diventa sempre più esteso fino ad arrivare alla vetta dello Zatta di Ponente m.1355, la bella giornata ci permette di ammirare all’orizzonte dalle alpi ancora innevate fino a Portofino.

Questo panorama ci accompagna sempre mentre percorriamo il crinale verso la vetta del Monte Zatta di Levante 1404 m., in questo tratto sono da ammirare le stratificazioni ondulate della cresta dello Zatta.

Distratti dal panorama e dal relax imposto dal meraviglioso silenzio dell’escursione non ci accorgiamo delle indicazioni del sentiero A10 che dovrebbero farci scendere per tornare al posteggio, ci ritroviamo così al Monte Prato Pinello m 1390, per niente scoraggiati dalla distrazione torniamo sui nostri passi e ritrovato il sentiero ci addentriamo nella splendida faggeta sul sentiero in discesa che ci riporta verso il Passo del Bocco dove abbiamo lasciato l’auto.

Nei pressi del Passo è stato à allestito un giardino botanico appenninico, il Bosco Giardino, realizzato per illustrare e far conoscere i principali aspetti della flora del Parco.

È inoltre presente un sentiero natura creato dall’ Ente Parco dell’Aveto descritto qui:

Parks.it

Ulteriori Info qui sui punti di interesse qui:

Parks.it

Osservazioni del naturalista

Questa foresta è formata in prevalenza da faggi da alto fusto. Il sottobosco è ricco di funghi e numerose fioriture (campanellini, bucaneve, narcisi e gigli).

Lungo il tratto in salita si incontra la deviazione per il "Faggio 40" (caduto nel 2005 ma ben visibile a terra).

Le rocce del monte Zatta sono sedimentarie ed originatesi in ambiente marino profondo.

Vari pannelli descrittivi lungo il percorso permettono di scoprire tutti gli aspetti del territorio.

Parks.it