Lillaz - Lago Loie

INFO

Difficoltà: E

Segnavia: sentiero n. 12

Altitudine: 2346 mslm

Dislivello: 750 metri

Tempo (senza soste) : 3 ore A-R

Lunghezza: circa 6 km

Voto:

Attrezzatura consigliata

Zaino da trekking

Scarpe o scarponcini da trekking

Giacca a vento tecnica o anche un semplice K-way

Pile in materiale tecnico con zip completa per comodità

Borraccia d’acqua

Cappello da sole anti UV

Occhiali da sole (meglio se specifici da trekking con protezione UV 2/3)

Ghette (se pensate di andare con terreno innevato)

Binocolo

Copri zaino antipioggia (in caso di dubbi sulle previsioni)

Come arrivare

Per intraprendere questa escursione nel Parco Nazionale del gran Paradiso, bisogna arrivare a Lillaz, frazione di Cogne splendido paese situato nell’omonima valle.

Si arriva da Aosta prendendo la SS26 in direzione di Courmayeur e seguendo poi le indicazioni per Cogne.

Attraversato l’abitato di Sarre, ad un semaforo si svolta a sinistra per imboccare la SR45 diretta appunto a Cogne, da qui prendere per Lillaz.

Qui si lascia l’auto (i posteggi sono molto ampi) e si procede a piedi in direzione delle famose le Cascate di Lillaz, poco prima di arrivarvi un cartello sulla destra indica l’inizio del percorso verso il lago di Loie.

Descrizione

Affrontare il percorso da questo sentiero è sicuramente, inizialmente, un po' faticoso per via della ripida salita che si deve affrontare, risulta però più breve rispetto all’alternativa che si potrebbe fare passando dal versante opposto passando dal Vallone dell’Urtier/Alpe di Bardoney.

Prima di intraprendere il trekking abbiamo effettuato una sosta al parco geologico, che è molto ben realizzato e fruibile grazie a pannelli esplicativi su ogni roccia.

Il percorso in salita, fiancheggia per il primo tratto le cascate di Lillaz, procediamo attraversando un tipico bosco alpino con pino cembro per quasi un’ora, ad un certo punto il percorso spiana leggermente e usciti dal bosco permette di ammirare il panorama circostante.

Si prosegue comunque sempre su sentiero molto evidente e in salita fino al Lago di Loie, che si presenta come uno splendido laghetto alpino immerso nel cuore del Parco Nazionale del Gran Paradiso, il tempo di salita è di circa un’ora e trenta minuti (senza soste).

La tranquillità è veramente sublime, incontriamo solo alcuni escursionisti che sono appassionati di hiking e alcuni runners che sicuramente copriranno il percorso in breve tempo.

Per il ritorno decidiamo di rientrare dallo stesso percorso da cui siamo arrivati.

Osservazioni del naturalista

E’ impossibile documentare le opportunità di osservazione del Parco Nazionale del Gran Paradiso.

Sono veramente tanti gli incontri che si possono fare, dallo stambecco al camoscio, dalle volpi alle marmotte per parlare solo di grandi vertebrati.

Anche dal punto di vista dell’avifauna, astore, gufo, gracchio e picchio verde sono solo alcuni di quelli facilmente avvistabili, stessa meraviglia per insetti e piante, gli habitat del bosco ospitano veramente molte specie.

Per avere maggior dettaglio vedi qui:

Parco nazionale gran paradiso

Natura e ricerca