Anello del monte Ramaceto

INFO

Difficoltà: E

Segnavia: triangolo giallo segnaviaAltaVia

Altitudine: 1345 mslm

Dislivello: 500 metri

Tempo: 4 ore circa

Lunghezza: circa 13 km

Voto:

Attrezzatura consigliata

Zaino da trekking

Scarpe o scarponcini da trekking

Giacca a vento tecnica o anche un semplice K-way

Pile in materiale tecnico con zip completa per comodità (solo nei periodi freddi)

Borraccia d’acqua (almeno 1)

Copri zaino antipioggia (in caso di dubbi sulle previsioni)

Come arrivare

Si esce in autostrada a Lavagna e si procede su statale seguendo le indicazioni per Carasco. Si prosegue sulla SP586, si attraversa Borzonasca e si continua per 18 km fino alla località Gragnolosa. Qui in prossimità del bivio si prende la strada a sinistra verso Ventarola dove finisce la strada e si può parcheggiare l'auto.

Descrizione

Il percorso inizia in fondo all'abitato di Ventarola dove sul muro del Rifugio Ventarola (sulla sx) si vedono le indicazioni per il percorso. Si prosegue per circa 50 metri fino ad un ponte, lo si passa e si prosegue per 500 metri fino ad un altro ponte sulla sinistra. Lo si attraversa e si prosegue in pianura. Dopo circa 1 Km il percorso devia a destra nei pressi di un'area picnic. Ancora qualche centinaio di metri su terreno pianeggiante poi inizia la salita fino a 1131 mslm (Bocca di Feia).

Si prosegue ora in cresta in zona scoperta su una salita piuttosto ripida per circa 600 metri fino a raggiungere la cappelletta del Ramaceto a quota 1297 mslm.

Il percorso prosegue ora per circa 1 Km in cresta sopra le arenarie del monte Ramaceto e offre una vista spettacolare sul grande anfiteatro naturale del monte.

Verso la fine vi è una breve salita che permette di raggiungere la vetta del monte a 1345 mslm.

Da qui inizia in discesa il percorso del ritorno fino al Passo della Crocetta, qui si svolta a sinistra e ci si ricongiunge con quello di andata nei pressi dell'area picnic.

Quindi percorrendo la strada fatta all'andata costeggiando il torrente Ramaceto si giunge al parcheggio.

Osservazioni del naturalista

La prima parte totalmente pianeggiante è ricca di pannelli del sentiero Natura (posizionati dal Parco Naturale Regionale dell'Aveto) che offrono dettagliate informazioni dei vari ambienti del percorso. Qui molte fioriture (erica, primula veris, orchidee spontaneee .....) colorano i prati.

Il torrente Ramaceto crea un habitat naturale dove si possono osservare anfibi e pesci come la Trota di torrente e il Vairone.

La parte in salita è in una splendida faggeta nella quale spiccano Aceri, Ciliegi e Maggionciondoli.